Crederci o no? isegretidellacasta


La giornata di oggi è stata tormentata da un ex impiegato precario di Montecitorio, nascosto dietro il nickname di Spidertruman che, dopo 15 anni di servizio, non si è visto rinnovare il contratto di lavoro e ha vuotato il sacco sui privilegi di casta pubblicandoli su questo blog. Presumibilmente per vendetta.

Non ho resistito e sono andato a sbirciare. Scorro attentamente i post. Raccontano di privilegi cui la nostra classe politica può accedere. Si parla di auto blu usate per accompagnare figli a scuola ed amanti a far la spesa, tariffe speciali per i cellulari, falsi furti di computer che i parlamentari possono denunciare. L’indignazione si impadronisce di me, indosso le vecchie scarpe da battaglia, pronto ad urlare contro il sistema corrotto, quando qualcosa nell’ultimo post del blog (il primo, in ordine di pubblicazione) mi ferma, e mi fa ragionare.
Il precario dice di aver ricevuto una lettera da Facebook che gli intima di rimuovere i contenuti dalla pagina. Per questo decide di trasferire tutti i contenuti su un blog di blogspot. Ma non è stato riportato, sul blog, il contenuto di tale comunicazione. Storco il naso.

Scorro ancora i post, e mi accorgo che buona parte dei racconti non sono altro, appunto, che racconti. Dalla validità giuridica di storie sentite al bar o dal parrucchiere. Non un nome, non una responsabilità presa sulle accuse mosse.

Un post riporta una parvenza di documento. Si tratta di un’offerta speciale di telefonia TIM per gli on.parlamentari, attivabile dietro presentazione del tesserino di riconoscimento. Ma ci sono almeno tre cose strane:

  1. il documento è costituito dalla fotografia parziale di un foglio, che potrebbe tranquillamente essere stato creato ad arte con Word e poi fotografato. Assolutamente privo di timbri, firme o comunque qualcosa che possa rendere riconoscibilie l’autore dell’offerta
  2. secondo Spidertruman l’offerta sarebbe acquistabile solo al negozio TIM di Largo Chigi a Roma. A quanto mi risulta da Internet, in largo Chigi non esistono negozi TIM ufficiali, ma solo un rivenditore di telefonia generico, la FE.BI. Telefonia. Se andate a vedere il sito del negozio, noterete che tratta gli operatori Vodafone, Wind e 3, ma non TIM.
  3. l’offerta visualizzata si riferisce ad una tariffa DEPUTATI. Tutti dovremmo sapere che il DEPUTATO, che ha il titolo di Onorevole è assegnato ai membri della Camera. Non è chiaro perchè un’offerta del genere non riguardi i SENATORI. La cosa è quantomeno strana

Gli altri post sono solo dei racconti scritti di pugno dall’autore, in maniera a volte sgrammaticata (le parole Montecitorio e i nomi dei Ministeri sono spesso scritti in minuscolo), che traggono conclusioni discutibili (il fatto che i barbieri di Montecitorio abbiano lo stesso accento del presidente della Camera che li ha assunti non è una prova di niente) o qualunquiste. A me, almeno, sembrano così. Datemi la vostra opinione.

Conclusione: le informazioni di Spidertruman, al momento, non sembrano attendibili, data l’assenza di prove certe di quanto afferma. Sono pronto a cambiare idea in presenza di nuova documentazione. Mi riservo, al momento, il diritto di storcere il naso.

Resta, comunque, la mia indignazione ormai decennale verso i privilegi detenuti da parlamentari, deputati e senatori. Vorrei, però, alimentarla con notizie vere e ben documentate. Non con chiacchiere da bar.

Annunci

7 pensieri su “Crederci o no? isegretidellacasta

  1. La faccenda dei barbieri si rintraccia nell’archivio storico del Corriere della sera, allego. Oltre che verosimile (purtroppo) sembra verificabile. Ciao!

    Pagina 22
    (17 agosto 2007) – Corriere della Sera

    STIPENDI D’ ORO
    Il ragioniere della Camera prende più di Napolitano Il barbiere supera un pm
    ROMA – «Eldorado in Parlamento», titola l’ Espresso in edicola oggi, mettendo nero su bianco gli stipendi dei dipendenti di Camera e Senato, in alcuni casi stipendi d’ oro, come quello del ragioniere di Montecitorio, degli stenografi e dei barbieri. «Nei trattamenti economici e normativi ci sono talune contraddizioni», sottolineano all’ unisono in una nota i presidenti di Camera e Senato, Fausto Bertinotti e Franco Marini. Che ricordano anche «l’ efficienza, l’ altissima professionalità e la dedizione al lavoro dei dipendenti del Parlamento». La forbice va dai 1.531 euro netti al mese di un commesso del Senato appena assunto ai 23.206 lordi di un alto dirigente della Camera dopo 35 anni di anzianità. Si fa il caso del ragioniere di Montecitorio, che «con i suoi 237 mila euro lordi annuali maturati dopo 35 anni» di servizio «guadagna quasi 20 mila euro in più di Napolitano». O degli stenografi del Senato, che «guadagnano fino a 253 mila 700 euro lordi l’ anno». In cima alla classifica, i segretari generali di Senato e Camera «che a fine anno arriveranno a incassare 485 mila e 483 mila euro lordi». E poi ci sono i barbieri «che possono arrivare a guadagnare oltre 133 mila euro lordi l’ anno a fronte dei 98 mila di un magistrato d’ appello con 13 anni di anzianità». I dipendenti della Camera e del Senato sono in tutto 2.908, di cui 1.850 a Montecitorio e 1.058 a Palazzo Madama. I primi, stando all’ inchiesta del settimanale, «costano al bilancio dello Stato circa 370 milioni di euro, i secondi 198».

    • La presenza di questa notizia sull’archivio storico del Corriere è una dimostrazione che il precario non ci dice nulla di nuovo.
      Per meritare l’attendibilità che molti vogliono attribuirgli, dovrebbe aggiungere nuova informazione con prove inconfutabili, non remixare informazioni già presenti in rete.
      La verosimiglianza non è sufficiente.

  2. Sui dubbi a riguardo la fantomatica tariffa speciale, ti riporto anche questa interessante analisi: http://www.andreatrapani.com/2011/07/17/tariffa-tim-parlamento-italiano/

    Anche io sono dell’idea di prendere tutto con le molle, per il momento. Troppo facile nascondersi dietro l’anonimato in questo modo, per solo per ribadire cose che erano più o meno pubbliche e reperibili da sempre a chi si prendeva la briga di cercare bene (o leggere i libri giusti).

    In attesa di ulteriori sviluppi….

    Ciao

  3. Una cosa è sicura.

    Una persona che fa questo per protesta non cerca di guadagnare soldi con le visite sul blog (tra l’altro la pubblicità di adsense è collegata ad una carta di credito)

    altra cosa se le informazioni che ha dato fossero vere mi vengono ulteriori dubbi.

    quanti precari che hanno lavorato alla camera per 15 anni sono stati licenziati nell’ultimo periodo?
    dopo 15 anni di lavoro non gli è restato in borsa nessun documento che potrebbe compromettere qualcuno?
    perchè una persona che dice apertamente di non aver conoscenze informatiche la prima cosa che fa su di un blog è aggiungere la pubblicità tra l’altro con i colori personalizzati?
    e riesce a pubblicizzare il proprio blog lavorando sul page rank, ha creato 17 blog che copiano tutto il contenuto del principale, lo linkano e inoltre linkano un articolo della stampa che parla del forum?

    quindi secondo me questo blog è soltanto un esperimento oppure una strategia per guadagnare con internet aiutandosi con cose che scaldano molto l’opinione pubblica in questo periodo

    -precario
    -(il logo di anonymus)
    -facebook
    -twitter
    -(facebook potrebbe cancellarmi la pagina) censura

    e altre.

    secondo me è un buffone. ma bisogna dargli il merito di riuscire a far scaldare l’opinione pubblica con questo “aggregatore di luoghi comuni”

    Ciao Daniele.

  4. Ma, se pure fosse un esperimento fasullo, che diffonde semplicemente notizie note, il fenomeno di diffusione e le riflessioni che si possono trarre non cambierebbero di molto la loro portata, non credete?

    • Spider Truman ha semplicemente creato uno spazio in cui vomitare rabbia e frustrazione. Non importa la verità, nè quello che è accaduto. L’importante è che “li si butti fuori tutti”. Indipendentemente da colpe effettive, responsabilità chiare. C’è bisogno di regole democratiche che creino gli anticorpi a questi comportamenti indecenti. Altrimenti, terminata la battaglia, cosa resta? Uno Stato selvaggio, in cui è sufficiente una malalingua per far fuori chiunque. Credo che non sia questo ciò che ci interessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...